Now Reading
Risorgere come la Fenice: Il Potere Trasformativo del Revenge Dress

Risorgere come la Fenice: Il Potere Trasformativo del Revenge Dress

Nives Boncristiano
Risorgere come la Fenice: Il Potere Trasformativo del Revenge Dress

Il Revenge Style è fortemente simbolico e affonda le sue origini nel 1994, quando Lady Diana, subito dopo l’annuncio da parte del Principe Carlo della sua infedeltà, sfoggia un abito che infrange completamente il protocollo reale.

La Principessa del popolo, durante una delle serate piĂą iconiche della storia della moda, in occasione del party organizzato dalla rivista Vanity Fair, fa un’entrata straordinaria nel suo “revenge dress”, un abito nero mozzafiato, disegnato dalla stilista greca Christina Stambolian.

Risorgere come la Fenice: Il Potere Trasformativo del Revenge Dress

Se inizialmente l’intenzione di Lady Diana era quella di indossare un abito di Valentino, alla fine la scelta ricade invece su questo abito, che viene subito dopo rinominato “Revenge Dress”, ovvero “Vestito delle Vendetta”, in quanto dimostrava il desiderio profondo di Diana di distaccarsi dalle regole imposte dall’etichetta reale e di riprendersi la sua libertà e rivincita.

Il miniabito nero in seta, seducente e audace, presenta un profondo spacco sulla gamba, tanto da far intravedere il ginocchio e uno scollo a barca che lascia scoperto il décollété.

La scelta di indossare un capo così accattivante, dallo stile piuttosto lontano da quello adottato nelle vesti di Principessa, viene interpretato come un messaggio molto preciso ed inequivocabile della volontĂ  di Diana di rinascere dalle ceneri dell’umiliazione pubblica, ripartendo da sĂ© stessa, dalla riaffermazione della sua forza, indipendenza e potere personale.

Il Revenge Dress va oltre il concetto di moda, rappresenta la capacità di trasformare il dolore in potere, l’umiliazione in fiducia e la vulnerabilità in resilienza.

Questa scelta stilistica viene nel corso degli anni continuamente ripresa e reinterpretata da altre donne del mondo dello spettacolo per veicolare lo stesso messaggio di riaffermazione di sé.

Vediamo alcuni esempi:

Mariah Carey

La celebre cantante, regina della musica pop, indossa un abito firmato Calvin Klein ai VMA del 1997, subito dopo il suo divorzio con Tommy Mottola, che ne controllava l’immagine e la carriera.

In questa occasione, l’artista ha completamente rivoluzionato il suo stile da ragazza della porta accanto, sfoggiando un top a fascia che lascia il ventre completamente in vista e una gonna lunga con spacco vertiginoso, un vera e propria rivendicazione della sua indipendenza e autodeterminazione.

Risorgere come la Fenice: Il Potere Trasformativo del Revenge Dress

Rihanna

Anche Rihanna cavalca la moda del revenge dress nel 2012 durante lo show di Victoria’s Secret, dopo la fine della relazione con il rapper Chris Brown.

In questa occasione, sulle note del suo brano “Diamonds”, la star del pop indossa un look total black, composto da occhiali da sole firmati Chanel, girocollo di perle di Lynn Bann, guanti di pizzo Cornelia James, stivaletti di pelle scamosciata Gucci, gonna griffata Adam Selman, corsetto Vivienne Westwood, il tutto completato da calze autoreggenti.

L’outfit grintoso e stravagante scelto dall’artista, firma la rivendicazione della sua libertà dopo anni di violenze e soprusi.

Rihanna

Taylor Swift

Un’altra donna della vendetta è Taylor Swift che nel 2016 ai Country Music Association Award, reduce dalla rottura con il dj Calvin Harris, sfodera uno sheer dress di Julien Mac Donald dal cut-out all’altezza dell’ombelico e spacco vertiginoso.

Un look audace, che riscrive e rimpiazza lo stile piĂą delicato adottato agli inizi della sua carriera con uno che decisamente ama osare.

Risorgere come la Fenice: Il Potere Trasformativo del Revenge Dress

Bella Hadid

Bella Hadid, al Met Gala del 2017, fresca di rottura con il cantante The Weeknd, coglie l’occasione di un evento di una così grande risonanza per mostrarsi in un outfit sexy e provocante e lo fa con un’apparizione spettacolare: una tuta scintillante trasparente di Alexander Wang con motivo a rete, schiena in vista che mette perfettamente in risalto le sue lunghe gambe e la sua figura impeccabile, a completare il look un paio di tacchi a spillo.

Bella Hadid

Irina Shayk

See Also
picasso

Nel 2019, alla sfilata Versace, anche Irina Shayk riscatta la sua sofferenza per la rottura con Bradley Cooper, catturando l’attenzione di tutti con un abito che trasudava potenza e seduzione.

La modella, con la sua andatura fiera e grintosa e il microabito animalier, con scollatura che si apre sulla lingerie, lascia poco spazio all’immaginazione ma sancisce sicuramente la sua rinascita.

Irina Shayk

Julia Fox

Per la sua pubblica vendetta, Julia Fox, a poche ore dalla fine della sua relazione con Kanye West, sceglie la sfilata autunno-inverno 2022-2023 durante la New York Fashion Week.

L’attrice, al suo esordio in passerella, sfoggia un abito LaQuan Smith di raso nero tempestato di cut-out sul petto, incantando il pubblico con un abito che gridava rivincita e sensualità.

Julia

Chiara Ferragni

Arrivando ai giorni nostri, ecco che assistiamo ad un altro “ritorno” in grande stile: Chiara Ferragni, dopo alcune settimane di assenza dai social e dopo la rottura con Fedez, riparte da sĂ© con un lungo abito nero di MĂ´not con profondo spacco che si apre sulla gamba, in occasione della mostra “Musei delle Lacrime” dell’amico Francesco Vezzoli presso l’unico Museo Correr.

Attraverso questo abito che sancisce un nuovo inizio, non solo come persona ma forse anche della sua immagine e del suo stile, Chiara riafferma la sua potenza e indipendenza, dimostrando capacitĂ  di trasformare il dolore in bellezza e di risorgere con ancora piĂą splendore.

Progetto senza titolo 2024 05 09T110712.011

La potente allegoria del Revenge Dress

Ogni volta che il “revenge dress” appare sul tappeto rosso o nelle strade della vita quotidiana, porta con sĂ© il ricordo della sua origine: una donna che ha scelto di affrontare il mondo con dignitĂ , coraggio e uno straordinario senso dello stile.

Questo concetto potente ci ricorda che, anche nei momenti piĂą difficili, abbiamo il potere di trasformare le nostre esperienze in fonti di forza e di crescita personale.

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Tutti i contenuti sono Copyright 2012-2023 StarsSystem.
StarsSystem è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n°277.
Editata da Edizioni Peacock srl - Milano - P.IVA 09577320964

Scroll To Top