Now Reading
Moda uomo 2023 FW: tradizione ed innovazione

Moda uomo 2023 FW: tradizione ed innovazione

Avatar
moda uomo 2023

Le Settimane della Moda Uomo 2023 Fall/Winter hanno dimostrato come la moda sia ancora un forte hub di idee innovative e sappia codificare come nessun’altra arte applicata i fenomeni sociali e la cultura. Designer e case di moda affermati si sono uniti per presentare le loro nuove creazioni, mescolando tradizione e innovazione. Marchi consolidati hanno collaborato in modo entusiasmante, mentre giovani talenti hanno spinto oltre i confini elaborando nuovi codici sartoriali. Ci√≤ che emerge chiaramente dalla scena della moda √® che New York rappresenti lo spirito dell’inclusivit√†, un elemento distintivo che si trova in pochi altri luoghi nel mondo della moda contemporanea, anche se certamente le altre fashion capital non sono rimaste ad osservare.

 

I brand, noti e rivelazione, della moda uomo 2023 FW

Martine Rose: narrative subculturali a Firenze

Immagina una scena senza tempo a Firenze, in Toscana, dove la storia sussurra da ogni selciato e da ogni antica arcata. In questa incantevole cornice, la designer britannica Martine Rose √® stata la protagonista come designer ospite a Pitti Uomo, seguendo le orme della compatriota londinese Grace Wales Bonner. Il suo debutto al di fuori di Londra, ambientato sullo sfondo del Mercato Nuovo di Firenze, un mercato all’aperto animato da venditori ambulanti, √® stato semplicemente spettacolare.

Martine Rose √® rinomata per la sua capacit√† di dare vita a storie subculturali attraverso le sue creazioni di moda, e il Mercato Nuovo di Firenze non √® stato semplicemente una location; √® stato un portale del suo mondo creativo. Con ogni look in passerella ha guidato il suo pubblico in un viaggio ispirato alla musica house e allla disco italiana degli anni ’80. Qui, Rose ha continuato a giocare con proporzioni audaci, svelando ensemble che si sarebbero fusi perfettamente con la folla di un concerto New Wave degli anni ’80. I modelli, sembrava fossero stati selezionati direttamente dalle strade poco distanti dalla location, hanno sfilato sulla passerella indossando cappotti oversize in shearling di pelle abbinati a pantaloni cargo ampi. Altri hanno sfilato in giacche con frange e pantaloni di pelle o indossato sontuosi cappotti di pelliccia rosa che ricordavano lo stile iconico di Cam’ron. Da notare che Kendrick Lamar ha recentemente realizzato una “wishlist” affidando a Rose la progettazione di abiti su misura per il suo tour mondiale.

L’esplorazione di Rose della musica dance come fonte d’ispirazione non √® una novit√†, poich√© in passato ha creato intere collezioni ispirate alle sue notti di festa nei nightclub londinesi degli anni ’90. Tuttavia, la sua abilit√† nell’importare questa etica di design in Italia √® stata elettrizzante.

Mentre il mondo della moda continua a piangere la perdita dell’icona rivoluzionaria Vivienne Westwood, diventa evidente che una nuova generazione di designer britannici, come Martine Rose, traduce con disinvoltura le subculture urbane in abiti squisiti che rimangono autentici alle loro fonti d’ispirazione. Stagione dopo stagione, Rose ha scosso le fondamenta del menswear, dimostrando che ci sono innumerevoli storie in attesa di essere svelate. In questa cornice fiorentina senza tempo, Martine Rose ci ha nuovamente mostrato che la moda √® un’arte narrativa che trascende confini ed epoche.

 

moda uomo 2023 fw - Martine Rose via Pitti Immagine
moda uomo 2023 FW

 

Prada: Un Sogno di Eleganza Sottolineata

Lo show di Prada √® stato un sogno sereno che √® diventato realt√†. L’abbondanza di cuscini, morbidi come sussurri, portava la promessa di un’evasione dall’ordinario, un richiamo delle sirene per coloro che bramavano un rifugio in un mondo colmo di stimoli incessanti. E che deliziosa evasione √® stata!

In mezzo a un’atmosfera da sogno, cardigan pastello sfocati cullavano delicatamente i tuoi sensi, mentre colletti a punta pendenti giocavano in modo giocoso con la tua immaginazione. Colletti sciallati irregolari adornavano l’apice di giacche rigide a tre bottoni, come complici birichini che complottavano eleganza. Ma non √® tutto, of course. Ombelichi che sbucano da dietro pantaloni: tute riprese dal workwear. Miuccia Prada e Raf Simons hanno elegantemente presentato una collezione che ha respinto il grandioso, l’ostentato, le distrazioni.

In un mondo in cui l’incertezza economica ribolle appena sotto la superficie, l’allure discreta di questa collezione sembra una rivoluzione tranquilla. Sussurra un desiderio di evitare gli apparati ostentati della ricchezza e abbracciare un’opulenza pi√Ļ sottolineata. I capi ti invitano a abbracciare il ruolo di un artigiano, vestito in suede, che suggerisce l’abbigliamento di un grembiule da lavoratore, riconoscendo silenziosamente la necessit√† di tagliare e ricalibrare.

Eppure, c’√® una giocosit√† paradossale che pervade ogni cucitura e punto, una danza di contraddizioni che ti invita a esplorare ulteriormente. La magrezza di quei pantaloni suggerisce l’ascetismo, un cenno al minimalismo in mezzo all’opulenza.

√ą una collezione che suscita contemplazione, un’esplorazione della complessa intersezione tra moda e politica.

Nell’offerta di questa stagione, Prada sussurra: “Non badate a me“. √ą una collezione che cattura senza sforzo il vostro cuore, lasciandovi in uno stato di apprezzamento silenzioso, un ricordo che perdura a lungo dopo che le luci della passerella si sono spente. Prada, in tutta la sua eleganza sottolineata, ci ha invitato ancora una volta a sognare, a sentire il fascino del glamour e ad abbracciare la purezza della sofisticazione rivoluzionaria del silenzio.

moda uomo 2023
moda uomo 2023

Wales Bonner: sognando in abiti d’autore

Nel mondo frenetico della moda, dove le tendenze si accavallano e sfumano in un istante, Grace Wales Bonner √® una costante rassicurante. Dal suo debutto dopo essersi laureata al Central Saint Martins nel 2014, questa talentuosa designer ha costantemente trovato nuovi modi per presentare capi di abbigliamento finemente lavorati, che narrano storie sulla diaspora africana e uniscono passato e presente in un connubio senza tempo. Come fa a realizzare questo miracolo? Con un approccio meticoloso e un occhio per il dettaglio, ma anche con l’ausilio di collaboratori provenienti da una vasta gamma di campi artistici. √ą una formula apparentemente semplice, ma eseguirla bene stagione dopo stagione, senza diventare monotoni, √® un’impresa titanica.

In questa stagione, nella sua collezione intitolata “Twilight Reverie,” Wales Bonner ha fatto riferimento al “Primo Congresso degli Artisti e Scrittori Neri”, una conferenza tenutasi a Parigi nel 1956 a cui parteciparono intellettuali neri di spicco come James Baldwin, Alioune Diop e Frantz Fanon. Questi illustri personaggi si riunirono per discutere dell’abolizione del colonialismo e del razzismo. La designer ha creato una fantastica visione di cosa indosserebbero oggi, dando vita a un guardaroba composto da abiti sartoriali rilassati, nuove interpretazioni di silhouette classiche, come una giacca scolpita con revers ricostruiti; camicie di seta oversize con dettagli di colletti drappeggiati; e cappotti di lana adornati con conchiglie cowrie. Ma Wales Bonner ha anche un lato preppy, che ha manifestato attraverso giacche varsity e maglie accademiche con la scritta “Sorbonne 56,” a ricordare il luogo e l’anno in cui si tenne il Congresso. Tra i look pi√Ļ sportivi spiccano le maglie da calcio da lei progettate per la squadra di calcio della Giamaica, cos√¨ come una T-shirt ampia e una gonna decorate con dettagli di broccato dorato. La collezione si completa con magnifici capispalla, tra cui un trench coat di pelle color cielo, un cappotto di tweed giallo e nero con colletto sfrangiato e un cappotto trapuntato rosa.

La designer utilizza le location delle sue sfilate per raccontare una storia e inserire le sue idee in istituzioni tradizionalmente esclusive. Questa volta, la presentazione si √® tenuta in Place Vendome, una piazza nel cuore di Parigi costruita nel 1698 e sede di marchi di lusso come Dior, Louis Vuitton e Chanel. Uno spazio intimo e salonesco che ricorda le sfilate di moda conservatrici e rigidamente controllate del passato. Tuttavia, tutto questo √® stato presentato insieme alla musica di artisti del calibro di Kendrick Lamar, che ha composto una poesia su misura che si √® diffusa come un incantesimo durante la sfilata, Sampha e l’artista multidisciplinare Duval Timothy. Bonner ha dichiarato ai giornalisti di considerarli i “pensatori liberi” dei giorni nostri. Inoltre, ha coinvolto l’artista Lubaina Himid per dipingere figure nere che sono apparse su magliette e foulard di seta, e ha continuato la sua collaborazione con Adidas Originals, presentando la sua versione delle Adidas Pro Model 2G. Un insieme ricco di riferimenti, ma unito da Bonner in modo significativo e avvincente.

In un mondo che cambia rapidamente, Grace Wales Bonner continua a rimanere ancorata alla sua visione unica e alla sua dedizione all’eccellenza artigianale. La sua collezione “Twilight Reverie” ci trasporta in un sogno di moda senza tempo, che celebra l’arte, la cultura e l’identit√†, offrendo un’esperienza straordinaria per chiunque abbia la fortuna di indossare uno dei suoi capolavori. Siamo in presenza di un’autentica visionaria della moda che non smette mai di ispirarci con la sua creativit√† e la sua eleganza senza tempo.

moda uomo 2023

 

Junya Watanabe: Pioniere della Moda Tecnica e Futuristica

Junya Watanabe aveva gi√† portato le resistenti conchiglie in nylon in passerella prima di ogni altro designer. Mentre √® facile alzare gli occhi al dilagante fenomeno delle collaborazioni “gorpcore” cicliche tra case di moda e marchi di abbigliamento per abbigliamento outerwear, bisogna ricordare che Watanabe aveva previsto l’ossessione dello street style contemporaneo per l’abbigliamento da trekking quasi due decenni fa. Oggi ci sono zaini Gucci realizzati da The North Face, gilet da trail running Salomon della linea MM6 di Maison Margiela. Ma la collezione uomo Autunno 2005 di Watanabe era ispirata agli sport sciistici e ha fatto sfilare modelli con occhiali da sci e abbigliamento con cuciture termosaldate.

Le collaborazioni non sono nuove nelle collezioni di Watanabe e la sua linea Autunno 2023, una presentazione completamente in nero che presentava look ibridi che mescolavano abbigliamento tradizionale maschile con offerte tecniche futuristiche: ha presentato ben 18 partner diversi. Naturalmente, c’era un’enfasi su marchi orientati orientati alle prestazioni: il davanti di un completo nero a doppio petto √® stato sostituito con le baffles di un piumino dell’etichetta svedese per l’outdoor Hagl√∂fs; un classico giubbotto North Face Nutpse, un impermeabile Karikomor e un bomber Alpha Industries sono stati benedetti lavorati con finissaggi su misura simili.

Ma la collaborazione definitiva non √® stata con un nome noto come New Balance o Levi’s (entrambi dei quali hanno collaborato con Watanabe in questa stagione). Invece, √® stata una serie di capi prodotti da Innerraum, un emergente fornitore con sede a Berlino di beni di lusso futuristici che sembrano pi√Ļ adatti ai cyborg che agli uomini contemporanei. Se Watanabe aveva previsto l’ossessione della moda per l’outdoor gi√† nel lontano 2005, forse entro il 2037 indosseremo tutti abiti simili a esoscheletri che lui e Innerraum stanno promuovendo oggi.

moda uomo 2023 FW
moda uomo 2023

Dior: Un’Esibizione da Sogno

 

Kim Jones, sempre un passo avanti nella sua visione della moda, ha nuovamente incantato il mondo con la sua ultima creazione per Dior.

I look hanno fatto un omaggio alla breve permanenza del giovane Yves Saint Laurent alla Dior alla fine degli anni ’50: c’era un top da marinaio in twill da cavalleria dalla vestibilit√† allungata e ampia; maglioni a maglia venivano indossati su una spalla e abbinati a gonne floreali; e cappotti lunghi a maglia marrone e crema venivano sovrapposti a canottiere trasparenti e pantaloncini che arrivavano sotto il ginocchio, perfetti per un Adam Sandler ossessionato dal lusso in un universo alternativo. Con questa collezione, Jones ha continuato a dimostrare come rendere giustizia ereditando il patrimonio di una casa di moda senza limitarsi a riportare vecchi design in passerella.

Dopo averci portato a Venice Beach per presentare le sue creazioni con ERL e in Egitto per svelare una collezione con Tremaine Emory’s Denim Tears nel 2022, Jones ha deciso di rinunciare a una collaborazione di alto profilo per l’ultima sfilata di Dior. Tuttavia, ci√≤ dimostra che una partnership con un nome importante non √® l’unico motivo del successo dell’abbigliamento maschile del marchio.

See Also
Progetto senza titolo 87

Le creazioni di Kim Jones per Dior sono un sogno che si materializza davanti ai nostri occhi. Ha la rara abilit√† di catturare l’essenza della maison Dior e reinterpretarla in modo fresco e innovativo, senza perdere di vista la sua eredit√† storica. Jones ci ricorda che la moda pu√≤ essere una forma d’arte, una storia e un’esperienza straordinaria. Con Dior, il lusso diventa una realt√†, e l’arte dell’abbigliamento raggiunge nuove vette. √ą un viaggio nel cuore della moda, e Kim Jones √® il nostro guida esperto in questa avventura senza tempo.

Marine Serre: Una Rivoluzione Elegante per il Futuro

Nel mondo della moda, dove spesso l’arte si mescola con la creativit√†, Marine Serre ha brillato come una stella con la sua ultima presentazione intitolata “Rising Shelter”. Alla presentazione di Marine Serre , strutture simili di tessuto, costruite con abiti upcycled, decoravano la Grande Halle de La Villette. Gli abiti-scultura di Serre simboleggiano una chiamata al cambiamento a livello industriale, minacciato dalla catastrofe climatica. E Marine Serre √® una designer il cui approccio all’upcycling dimostra che questa trasformazione non √® solo possibile, ma anche elegantemente pensata.

Serre crea borse di cotone deadstock, denim e sciarpe, realizzate con gli stessi materiali che avevano una seconda vita nella sua ultima collezione. Le borse, considerate un miglioramento sostenibile rispetto alla plastica monouso, si sono rivelate dannose per l’ambiente a causa della sovrapproduzione e del consumo di acqua necessario per la loro produzione. Serre ha quindi deviato queste borse dalla destinazione di una discarica, trasformandole in look patchwork in tonalit√† di crema, bianco e beige. I suoi iconici monogrammi a mezzaluna hanno continuato a decorare capi di denim upcycled. C’erano abiti slim patchwork e balaclava realizzati con t-shirt grafiche provenienti da balle di abbigliamento. Oltre a capi di alta moda realizzati con ritagli di giacche di pelle da motociclista e abiti moir√© scintillanti realizzati con linee e reti da pesca riciclate, c’erano cappotti, camicie da bowling, giacche da trucker, gonne e camicie oversize, tutti con stampe logo serigrafate. I look pi√Ļ belli erano costruiti con arazzi decorati, jacquard e broccati che attingevano alla nostalgia di stare comodi nel salotto della nonna.

Mentre per molti marchi la sostenibilit√† √® pi√Ļ un esercizio di marketing che un’azione concreta, Serre offre una riflessione potente. Se pu√≤ produrre una delle collezioni pi√Ļ affascinanti della Paris Fashion Week utilizzando tessuti deadstock e design upcycled con un marchio indipendente e un team piccolo, chi pu√≤ dire che il resto dell’industria non possa fare altrettanto?

moda uomo 2023 FW
moda uomo 2023

Louis Vuitton: il Fascino dell’inaspettato

Colm Dillane e il suo marchio KidSuper sono sempre stati noti per le sorprese: il suo brand con sede a Brooklyn ha presentato abiti attraverso alternative alle passerelle come figurine in claymation e brevi film comici che hanno visto celebrit√† newyorchesi come Big Body Bes e Princess Nokia al posto delle modelle. Ma nessuno avrebbe potuto prevedere che l’interpretazione insolita di Dillane dell’alta moda avrebbe portato Louis Vuitton a sceglierlo come suo primo designer ospite per la collezione maschile. Ma Louis Vuitton √® noto per stupire. Basta guardare a quanti hanno reagito quando il compianto Virgil Abloh √® stato presentato come direttore creativo della moda maschile di Louis Vuitton nel 2018.

I fedeli seguaci di KidSuper non possono fare a meno di essere affascinati dalla crescita di Dillane. Anni prima che KidSuper facesse notizia organizzando un’asta d’arte al posto di una tradizionale sfilata di moda, il marchio stava rilasciando t-shirt collaborative con rapper di Brooklyn come Joey Badass e gli Underachievers. Il curriculum di Abloh nel mondo dell’hip-hop supera certamente quello di Dillane, che ha diretto un video musicale in claymation per Russ. Tuttavia, la storia di un underdog dello streetwear che si fa strada fino alla vetta √® comunque un sogno a cui molti aspirano, e quando Dillane √® stato messo al volante di una casa di lusso storica, √® riuscito a mantenere la rotta su un percorso gi√† tracciato da Abloh.

La collezione di Dillane per Louis Vuitton si √® ispirata alla narrazione dell’infanzia che Abloh ha stabilito durante le sue otto stagioni alla guida del marchio. L’ambientazione della sfilata era una casa che catturava le prime fasi dell’infanzia ed √® stata creata dai registi francesi Michel Gondry e Olivier Gondry, che hanno anche diretto un breve film che raccontava la crescita di un ragazzo prima della sfilata. Mentre la cantante spagnola Rosal√≠a si esibiva, i modelli si muovevano nell’ambientazione onirica, scrivendo sui muri a pastello, frugando nelle scatole dei giocattoli e giocando a freccette. Dillane ha ereditato lo styling da Ibrahim Kamara, che ha lavorato anche alle presentazioni di Louis Vuitton di Abloh, ed √® il suo successore creativo per Off-White. I motivi distintivi di Abloh per Louis Vuitton, come i dettagli in catena o le rivisitazioni distorte dei loro iconici bagagli, erano anche presenti. Le maggiori novit√† erano le decorazioni whimsical alla KidSuper: le pitture di Dillane apparivano come stampe all-over su cappotti e ricami dei motivi di KidSuper venivano inseriti come collage su giacche e borse Keepall. Dillane ha scritto su Instagram che uno dei suoi sforzi preferiti era una “Letter Bag” costruita per sembrare una pila di lettere tenute insieme da un pezzo di spago.

Si dice che Dillane avesse un “libro di idee di 500 pagine” per la casa di moda, ma sembra che non gli sia stato permesso, o forse non √® stato in grado, di realizzarle tutte. La presentazione di KidSuper durante la Paris Fashion Week √® stata certamente unica, uno spettacolo comico che prendeva in giro l’industria della moda. Si potrebbe immaginare che questa idea sia stata considerata troppo rischiosa (o ghiotta) per Louis Vuitton. E sebbene il tema dell’infanzia sia affascinante e Abloh lo abbia stabilito, lo ha anche affrontato con maggiore profondit√†. La definizione di Abloh dell’infanzia si estendeva a raccontare storie trascurate sulla cultura nera e sulle subculture urbane marginalizzate, come i graffiti. Mentre l’interpretazione di Dillane dell’infanzia √® ancora rilevante, perch√© chi non √® stato un bambino? Un muro ricoperto di tag di un vero criminale del graffiti di New York √® intrigante come le scarabocchiature di un bambino in una camera da letto.

Uno dei look pi√Ļ memorabili di questa collezione √® stato un completo a millefoglie composto da lettere d’amore ricreate scritte a mano dai membri del diversificato studio di design di Louis Vuitton. Ciascuna lettera era scritta nella lingua madre del suo autore.

 

moda uomo 2023 Louis Vuitton via louisvuitton.com
moda uomo 2023 FW

Una stagione di moda condensata di nuove narrazioni, che ripescano dal passato o che ci fanno sbarcare direttamente nel futuro, senza dimenticare di farci riflettere a modi sapienti di pensare la moda oggi.

Non perdere la nostra guida alla moda sostenibile nel 2023. Stay Star!

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Tutti i contenuti sono Copyright 2012-2023 StarsSystem.
StarsSystem √® una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n¬į277.
Editata da Edizioni Peacock srl - Milano - P.IVA 09577320964

Scroll To Top