Now Reading
Dolce&Gabbana festeggia i 40 anni con una mostra esclusiva

Dolce&Gabbana festeggia i 40 anni con una mostra esclusiva

Angelo Annese
Dal cuore alle Mani: Dolce&Gabbana

La mostra Dal cuore alle mani: Dolce&Gabbana avrà luogo dal 7 aprile al 31 luglio a Palazzo Reale, Milano. Curata da Florence Müller, una vera e propria autorità nel settore della moda, l’esposizione è promossa dal Comune di Milano – Cultura e prodotta da Palazzo Reale.

I due stilisti festeggiano così i loro 40 anni di attività ed il sottotesto è che la creatività nasce dal cuore, dalla capacità di sognare, e si traduce in realtà prendendo forma grazie al saper fare delle maestranze artigiane. La mostra ha avuto i suoi natali a Milano, la loro casa base, ma l’intenzione dei promotori è quella di esportarla in altri importanti centri culturali sparsi in giro per il mondo.

La mostra Dal cuore alle mani: Dolce & Gabbana avrà luogo dal 7 aprile al 31 luglio a Palazzo Reale, Milano. Curata da Florence Müller, una vera e propria autorità nel settore della moda, l’esposizione è promossa dal Comune di Milano - Cultura e prodotta da Palazzo Reale.
Mostra Dal cuore alle mani: Dolce&Gabbana dal 7 aprile al 31 luglio Palazzo Reale, Milano.

L’esposizione si presenta come un percorso concettuale suddiviso in 10 sale doveattraverso l’inconfondibile stile di D&G si passa in rassegna la cultura, l’arte e la tradizione artigiana dello stivale. Si tratta di un invito a scoprire una parte intima e inedita del celebre duo che ha voluto così svelare, per la prima volta, la sorgente della propria fortuna. La curatrice ci promette di entrare nel suggestivo ecosistema creativo di Domenico Dolce e Stefano Gabbana, qui realtà e fantasia si intrecciano per dare vita a una primavera perpetua.

chic ok
Mostra Dal cuore alle mani: Dolce&Gabbana dal 7 aprile al 31 luglio Palazzo Reale, Milano.

Si passa così dalla dimensione onirica a una graduale costruzione dell’artefatto cercando di scandire le tappe di un processo creativo ricco di riferimenti artistici e culturali. Infatti, i visitatori più organizzati potranno osservare e incontrare i sarti e gli artigiani all’opera che ogni venerdì saranno presenti dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.00 per lavorare sui tessuti.

In questa mostra si omaggia come fonte primaria dell’ispirazione dei due stilisti l’incommensurabile patrimonio culturale italiano. Si ricalca l’importanza del lavoro Fatto a Mano e della cura dei dettagli grazie a pezzi unici di prestigiose collezioni di Alta Moda, Alta Sartoria e Alta Gioielleria.

opulenza ok
Mostra Dolce & Gabbana

Dal cuore alle mani: Dolce&Gabbana

In ogni sala sono presenti via via elaborate installazioni che presentano diverse tematiche e testimoniano l’incrollabile venerazione che i due stilisti sentono nei confronti della proprie radici. Si passa così dalla tradizione del barocco siciliano alle meraviglie dei vetrai veneziani, in un viaggio che ricalca i tratti del Grand Tour e prende la connotazione di un vero e proprio pellegrinaggio della moda.

Una volta intrapreso questo cammino si sfocia in un tripudio di opulenza costellato da specchi e lampadari d’antan che riflettendo gli abiti contribuiscono a ricreare un’atmosfera carnevalesca ed elegante dove vengono anche proposte e messe in scena importanti opere rinascimentali. Con queste installazioni, forse, l’intento più viscerale sembra essere quello di rimarcare le profonde connessioni e influenze che intercorrono tra il mondo della moda e quello dell’arte.

See Also
Glitter

Mostra Dolce & Gabbana
Mostra Dolce & Gabbana

L’ascesa di Dolce&Gabbana

Domenico Dolce è nato il 13 agosto 1958 a Polizzi Generosa (PA) mentre Stefano Gabbana è nato il 14 novembre 1962 a Milano. Dolce era un bambino prodigio visto che già all’età di sei anni passava ore e ore a disegnare e confezionare i suoi vestiti. Il primo contatto tra i due è avvenuto per telefono il giorno in cui Dolce, in cerca di un impiego, chiamò l’azienda di moda per cui Gabbana stava lavorando.

Dopo essere stato assunto, il giovane talentuoso entra fin da subito nelle grazie di Gabbana che a poco a poco gli insegna tutti i trucchi del mestiere. Di lì a poco l’intesa tra i due li spinge a mettersi in proprio e fondare un’azienda di consulenza nel campo del design. Siamo nel 1984, quando i due condividono lo studio ma non ancora il nome e il commercialista non gli suggerisce di fatturare sotto un unico marchio. Nasce così Dolce&Gabbana.

dolce e stefano gabbana ok
Stefano Gabbana e Domenico Dolce, Marzo 2015

Per la loro prima collezione, che fu presentata nell’ottobre del 1985 durante la Milano Fashion Week, si cimentarono nell’arte dell’arrangiò. Il duo non aveva fondi a sufficienza e chiese aiuto agli amici arrivando persino a utilizzare gli oggetti personali delle modelle come accessori.

Inizialmente le vendite non ripagano le aspettative, ma la famiglia di Dolce crede nel progetto e decide di finanziale la fornitura tessile per produrre la collezione successiva e nel 1986 riescono ad aprire il primo store. L’agognato successo arriva con la loro quarta collezione che, ispirata alle radici siciliane di Dolce, ha avuto un impatto notevole sul mercato italiano della moda catturando l’attenzione del pubblico.

Tra i pezzi più iconici di questa collezione troviamo “Il vestito siciliano” che ancora oggi è annoverato come uno dei capolavori del marchio ed è stato designato da Hal Rubenstein come uno dei 100 vestiti più importanti mai disegnati:

“Il vestito siciliano è l’essenza di Dolce&Gabbana, la pietra di paragone sartoriale del marchio. Il vestito prende spunto da una sottoveste, ma è una sottoveste che ha adornato Anna Magnani, ed è una sagoma che ha ornato Anita Ekberg, Sophia Loren, e così via.
Le cinghie si adattano strette al corpo proprio come quelle di un reggiseno; la scollatura scorre dritta, ma viene attaccata almeno due volte, una per ciascun lato, per accarezzare i due seni e nel mezzo per incontrare un’edificante piega che fornisce un lieve sostegno. La sottoveste non scivola semplicemente verso il basso, ma sale alla vita per tenere la figura con fermezza ma non troppo stretta, e in seguito si allarga per enfatizzare le anche, per cadere in modo leggermente rastremato alle ginocchia, in modo da garantire l’oscillazione delle anche mentre si cammina”

vestito siciliano
Un esempio di “Vestito Siciliano” di Dolce & Gabbana

Tutti i contenuti sono Copyright 2012-2023 StarsSystem.
StarsSystem è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n°277.
Editata da Edizioni Peacock srl - Milano - P.IVA 09577320964

Scroll To Top