Now Reading
“Manon Lescaut” e l’omaggio a Puccini: si inaugura la Stagione d’opera 2024 al Teatro Comunale di Bologna

“Manon Lescaut” e l’omaggio a Puccini: si inaugura la Stagione d’opera 2024 al Teatro Comunale di Bologna

Barbara Cialdi
Manon Lescaut ©Andrea-Ranzi

La nuova produzione, proposta in anteprima assoluta al Teatro Comunale Nouveau di Bologna dal  26 al 31 gennaio, vede la direzione di Oksana Lyniv e la regia di Leo Muscato. Lo spettacolo del 26 gennaio ore 20.00 sarà in diretta su Rai Radio 3.

TCBO 2024 01 18 Manon Lescaut antepiano D4 1698 ©Andrea Ranzi
©Andrea-Ranzi, MANON LESCAUT


Con Manon Lescaut di Giacomo Puccini si apre la Stagione d’Opera 2024 del Teatro Comunale di Bologna

Il debutto, in occasione del centenario della scomparsa del compositore, è in programma in prima assoluta al Comunale Nouveau a partire da venerdì 26 gennaio alle 20.00, in diretta su Rai Radio3. Alla regia, Leo Muscato, al suo debutto nel teatro felsineo, e vede la Direttrice musicale Oksana Lyniv gestire il titolo per la prima volta. Lo spettacolo è in replica fino al 31 gennaio.

«Un anno fa, quando il teatro ha temporaneamente lasciato la sua sede storica per trasferirsi in un luogo inedito – narra il Sovrintendente Fulvio Macciardi – siamo partiti per un’avventura che presentava molte incognite. Oggi il Comunale Nouveau è diventato il nuovo spazio della musica a Bologna: un luogo di produzione artistica, di incontro e di creatività che arricchisce l’intera città. Un sentito ringraziamento va al lavoro e all’impegno profuso da tutti i comparti del Teatro, e un grazie speciale va al nostro pubblico, che ci segue e dà fiducia, e a coloro che ci hanno sostenuto in questo percorso e continuano a farlo ogni giorno».

TCBO 2024 01 18 Manon Lescaut antepiano D4 1402 crop ©Andrea Ranzi
©Andrea-Ranzi, MANON LESCAUT

«Nel 1889 il poco più che trentenne Giacomo Puccini firmò un contratto con Ricordi per “Manon Lescaut” – dice Oksana Lyniv – e, allo stesso tempo, stava lavorando a una versione ridotta dei “Meistersinger von Nürnberg” di Wagner per La Scala di Milano, entrando in contatto con le sperimentazioni armoniche wagneriane. La partitura usa la tecnica del Leitmotiv – penso al suono orchestrale e al linguaggio armonico per la descrizione del mondo emotivo di Manon Lescaut e De Grieux, che si ispirano al “Tristano e Isotta”, ma è anche arricchita da citazioni dalle prime opere giovanili di Puccini, che rispecchiano lo spirito dell’epoca in cui la vicenda è ambientata».

Particolare la visione del regista, nei quattro atti dell’opera, dove i protagonisti sono sempre sul punto di partire, o di andarsene da qualcosa, o da qualcuno. «È come se la terra bruciasse sotto i loro piedi – racconta Leo Muscato – e non consentisse loro di fermarsi e ragionare sulle conseguenze delle loro azioni. Per questa ragione, ciò che tiene insieme i quattro differenti luoghi della nostra messa in scena è proprio la terra che brucia, è proprio il deserto, un luogo metaforico che nell’opera di Puccini arriva nel IV atto. Il personaggio di Manon è un’anima in costante oscillazione tra estremi emotivi opposti.

TCBO 2024 01 18 Manon Lescaut antepiano D4 1683 ©Andrea Ranzi
©Andrea-Ranzi, MANON LESCAUT

A volte è una forza della natura, animata da una gioia contagiosa e da un
desiderio irrefrenabile di avventura e amore; altre volte sprofonda in
un’oscurità emotiva che la fa apparire tormentata e vulnerabile e
bisognosa di protezione. Ci impiega pochi secondi per decidere di
fuggire al proprio destino seguendo uno sconosciuto che ha incontrato
qualche minuto prima. La sua fuga scapicollata con Des Grieux

conclude il regista – si trasforma in stupefacente alchimia sessuale
che travolgerà entrambi in un turbine di emozioni e impulsi, e che
trasformerà il loro amore in una relazione tossica, in cui ognuno
riesce a tirare fuori il peggio dell’altro
».

Premiato come miglior regista prima dalla critica teatrale, nel 2007, e
poi dalla critica musicale, nel 2012, oggi Muscato è ricco di collaborazioni con i
palcoscenici operistici italiani più importanti: dal Teatro dell’Opera di Roma alla Scala di Milano. Nella nuova produzione bolognese le scene dello spettacolo sono affidate a Federica Parolini, i costumi sono di Silvia Aymonino e le luci di Alessandro Verazzi.

TCBO 2024 01 18 Manon Lescaut antepiano D4 1501 ©Andrea Ranzi 1
©Andrea-Ranzi, MANON LESCAUT

Debutta nel ruolo della protagonista il soprano Erika Grimaldi, recentemente applaudita a Bologna nell’”Andrea Chénier” di Giordano e nella “Forza del destino” di Verdi, insieme al tenore Luciano Ganci (come Renato Des Grieux) e dal baritono Claudio Sgura (come Lescaut). Nelle recite del 27 e 31 gennaio questi tre personaggi sono invece interpretati da Lana Kos, Roberto Aronica e Gustavo Castillo. Completano il cast Giacomo Prestia nelle vesti di Geronte di Ravoir, Paolo Antognetti in quelli di Edmondo, Kwangsik Park nei panni dell’Oste e in quelle del Sergente degli arcieri, Bruno Lazzaretti come il maestro di ballo, Aloisa Aisemberg come un musico, Cristiano Olivieri come un lampionaio e Costantino Finucci come il comandante di marina.
L’Orchestra e il Coro – preparato da Gea Garatti Ansini – appartengono
alla Fondazione lirico-sinfonica bolognese.

See Also
Černobyl' a teatro

Manon Lescaut Erika Grimaldi TCBO 2024 01 18 Manon Lescaut antepiano D4 1050 ©Andrea Ranzi 1
©Andrea-Ranzi, MANON LESCAUT, Erika Grimaldi

Manon Lescaut: la storia di un grande successo

Dopo il grande successo della prima rappresentazione assoluta al Teatro Regio di Torino il 1° febbraio 1893, il 4 novembre di quello stesso anno “Manon Lescaut” debuttò al Comunale di Bologna con esiti altrettanto positivi (e ben diciotto repliche). Si trattava della terza opera di Puccini, dopo l’esordio convincente con “Le Villi” e l’incerta accoglienza riservata a “Edgar”. Il dramma lirico in quattro atti su libretto di autore anonimo, cui collaborarono lo stesso Puccini, Giuseppe Giacosa, Luigi Illica, Ruggero Leoncavallo, Domenico Oliva, Marco Praga e Giulio Ricordi, fu scritto tra il 1889 e il 1892. Il tema, tratto dal romanzo _Histoire du Chevalier Des Grieux et de Manon Lescaut_ di François-Antoine Prévost, aveva già suscitato molta curiosità da parte di altri due compositori prima di Puccini: i francesi Daniel Auber e Jules Massenet.

“Manon Lescaut” manca dalla Stagione del teatro bolognese dal 2002. Opening partner dello spettacolo è Gruppo Hera.

«Confermiamo con convinzione il nostro sostegno il Teatro Comunale di Bologna, una delle più significative eccellenze culturali del territorio – afferma
Giuseppe Gagliano, Direttore Centrale Comunicazione e Relazioni Esterne
della multiutility – e siamo molto lieti di tenere a battesimo l’opera che inaugura la stagione 2024 del Comunale Nouveau, nella sede temporanea che abbiamo contribuito ad allestire per permettere alla città di continuare a godere di un’offerta artistica e musicale ricca, stimolante e di assoluto valore».

I biglietti – da 25 a 150 euro – sono in vendita online
tramite Vivaticket e presso la biglietteria del Teatro Comunale,
aperta dal martedì al venerdì dalle 12 alle 18, il sabato dalle
11 alle 15 (Largo Respighi, 1); nei giorni di spettacolo al Comunale
Nouveau (Piazza della Costituzione, 4) da un’ora prima e fino a 15
minuti dopo l’inizio. Info: https://www.tcbo.it/eventi/manon-lescaut/.

La nuova installazione del Duo Antonello/Ghezzi

A partire dalle recite di “Manon Lescaut”, sul soffitto del Foyer del
Comunale Nouveau, sarà visibile la nuova installazione permanente
site-specific creata da specchi realizzata dal duo Antonello Ghezzi,
intitolata “Ed intanto la mia testa”, a cura del Teatro Comunale.
L’opera vuole idealmente accompagnare il pubblico verso la platea:
«Siamo spettatori ma anche protagonisti – spiegano i due artisti –
perché se alziamo lo sguardo ci siamo noi tra le parole della
“Cenerentola” di Rossini, e quel nodo avviluppato è l’amore ma è anche
la nostra vita, nella quale tutti andiamo a tentoni verso l’aria oscura.
Per fortuna, grazie ai sentimenti che proviamo e grazie al teatro,
possiamo finalmente cominciare a delirare, a sognare e a ricordarci che
siamo allo stesso tempo spettatori, protagonisti, comparse e
drammaturghi. Siamo qui e ora, siamo in un teatro nuovo ma che porta con
sé tutta la storia del Teatro Comunale di Bologna».

Ed intanto la mia testa 2023 Antonello Ghezzi Acquerello su carta
Antonello Ghezzi – Ed intanto la mia testa
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Tutti i contenuti sono Copyright 2012-2023 StarsSystem.
StarsSystem è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n°277.
Editata da Edizioni Peacock srl - Milano - P.IVA 09577320964

Scroll To Top